Skip to content

Luca Ramacciotti – Sogetsu Concentus Study Group

www.sogetsu.it

© fotografico di Fabio Pasquarella(© fotografico di Fabio Pasquarella)

Torno a parlare di un argomento che mi sta a cuore e che si svilupperà in un II workshop (il primo si è tenuto a maggio con Giuseppe Cesareo  – Questioni di luce) a cura di Ben Huybrechts il prossimo 12 ottobre. La fotografia di un ikebana.

Non essendo un fotografo cerco di carpire segreti e trucchi del mestiere da amici fotografi a cui mi rivolgo anche per questi particolari workshop. Di contro è interessante, credo, anche per il fotografo capire come un ikebana vada inquadrato. Sicuramente vedendo la foto ci accorgeremo di particolari che il nostro occhio non ha magari notato.

Noi abbiamo un’idea dell’ikebana da fare e lo realizziamo. Quindi non ne abbiamo un giudizio obiettivo al 100% come lo ha la macchina fotografica che inquadra quel che noi andiamo a farle “vedere”. Noi abbiamo ben presente dove l’ikebana è collocato, cosa lo circonda o altro. La macchina fotografica no. Per cui ha uno sguardo parzialmente oggettivo dato che in realtà siamo noi a scegliere cosa e come inquadrare.

Siamo sempre noi l’occhio che vede e che scatta quindi, ma l’occhio meccanico metterà in rilievo cose che l’occhio umano ha magari non registrato.

Potremmo aver fatto uno stupendo ikebana, ma se lo fotografiamo male avremo vanificato tutto il nostro lavoro.

Annunci

Tag:, , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , ,

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: