Skip to content

Luca Ramacciotti – Sogetsu Concentus Study Group

www.sogetsu.it

© Ben Huybrechts

Ben Huybrechts)

Sognare, diceva mio nonno, non costa nulla. Cercare di trasformare i sogni in realtà sì. In secoli di storia ancora abbiamo difficoltà a capire che se si cooperasse il mondo andrebbe meglio mentre continuiamo a creare steccati, muri o controllare con invidia se l’erba del vicino è davvero più verde.

Quando incontri persone che la pensano come te allora ti pare di far parte di una piccolo gruppo estraneo al mondo che ti circonda, sono isole felici in pieno sole. Non so se le persone simili davvero si “attirino” o se è “fortuna” incontrare personaggi speciali sul proprio cammino, ma se da una parte da quando ho iniziato la via dei fiori ho inciampato, a volte, in radici ritorte, nascoste nell’ombra, più spesso ho avuto il piacere di percorrere cammini profumati costellati da fiori freschi e coloratissimi.

E così il destino mi ha fatto avere delle allieve che si stanno impegnando al massimo per comprendere ed assimilare questa disciplina, conoscere artisti ed amici di discipline collaterali quali bonsai, shodo, suiseki, shita e kusamono e ceramisti. Ho di recente (vedasi i miei ultimi post) incontrato persone che conoscevo virtualmente dal 2006 e approfondito amicizie tra insegnanti dell’altra scuola di ikebana presente sul territorio italiano.

Mancava un ultimo tassello, ma con tenacia e la fortuna di incontrare persone che amano la cultura e l’arte che eseguono, anche quello presto andrà al suo posto.

Per la prima volta da quando negli anni ’60 l’ikebana è giunta in Italia con la scuola Ohara in primis (diretta da Jenny Banti-Pereira) e in secundis con la scuola Sogetsu si avrà una mostra delle due scuole assieme.

Già in un altro post (Anime affini) ho avuto modo di parlare di Doozo a Roma, ristorante  e sede di incontri di letteratura, cultura orientale e corsi vari che vanno dallo shodo agli origami alla cucina alla lingua giapponese al  Sumi-e all’ikebana. Quest’ultimo ha per insegnante Romilda Iovacchini della scuola Ohara. E la “padrona di casa”  in questione ha ben accolto la proposta dimostrando ancora una volta, se mai ce ne fosse stato il bisogno, la sua totale sensibilità e generosità verso la diffusione di questa arte.

Nella mostra gli ikebana di Romilda e delle sue allieve saranno esposti assieme al mio, a quello di Lucio Farinelli (maestro della scuola Sogetsu) e delle nostre allieve mentre la maestra Silvana Mattei (sempre della scuola Ohara) farà un’installazione che accoglierà i visitatori. A suggellare questa unione tutti noi andremo ad utilizzare, come contenitori, i lavori di Sebastiano Allegrini (Pots)

Questo è un piccolo traguardo, una soddisfazione personale di veder finalmente due percorsi della via dei fiori sfiorarsi per raccontare ai visitatori come due scuole quasi contemporanee hanno reinterpretato un’arte antica che vede la natura come forma di studio. Una mostra all’insegna dell’amicizia, di una passione comune, della diffusione della cultura. Un appuntamento immancabile per chi ama l’ikebana o per chi ne ha sentito parlare e vuole approfondire.

Lo staff di Doozo ha già provveduto a diffondere il volantino di cui diamo il dettaglio relativo alla mostra.

Folder

Prossimamente pubblicherò anche la locandina/invito.

E sinceramente son molto felice di vedere i due loghi delle scuole così vicini perché il percorso della via dei fiori ha sì tanti sentieri, ma il percorso è unico.

OharaIkebana Ohara SogetsuIkebana Sogetsu

Annunci

Tag:, , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , ,

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: