Skip to content

Luca Ramacciotti – Sogetsu Concentus Study Group

www.sogetsu.it

Lo scorso giugno ci arrivò una mail che ci invitava a prendere parte alla nuova edizione del libro edito dalla Stichting Kunstboek che si sarebbe intitolato “Masterclass Ikebana” data la presenza, per la prima volta, degli Iemoto delle varie scuole di ikebana. Citando letteralmente il regolamento: “All photographs should be made by a professional photographer or a good amateur and should be delivered free of rights. At any time these pictures are your intellectual property. We will not use them for any other purpose than the publication of this book (and its promotion).You are free to use these images for any other purpose after publication (website, brochure, portfolio, exposition, etc.) without requesting our approval.”

Quindi opere non pubblicate prima o dopo l’averle realizzate, inedite.

Lucio Farinelli allerta il fotografo Lorenzo Palombini che subito allestisce il set fotografico.

Per il sottoscritto si poneva un grosso problema. Stavo lavorando al Festival Puccini e non avevo tempo. Seguendo diverse messe in scena e spesso facendo le luci fino alle ore 3 del mattino, non avevo tempo per riposare figuriamoci per fare ikebana e poi a Viareggio non ho praticamente né vasi né materiali. Che fare? Mi dispiaceva non partecipare al libro, ma di certo mica potevo mandare qualcosa di già pubblicato visto che chiedevano di non pubblicare nulla di ciò che sarebbe potuto comparire nel libro. Mi sarebbe sembrato brutto barare, magari sperando che non se ne accorgessero, e rimbalzare a loro un ikebana già fatto. Non amo rivogare idee o foto che ho già usato in passato, mi sembrerebbe di non aver nulla di nuovo da raccontare.

La fortuna di un maestro è avere allieve che sono angeli custodi; Silvia Barucci ed Ilaria Mibelli sono arrivate in soccorso con i vasi, le hasami, le luci per la foto, insomma un pronto soccorso di ikebana.

Una mattina alle 9 eravamo già a comperare i fiori che mi sarebbero serviti (altri li abbiamo arborizzati in un campo mentre un fotografo e due modelle ci guardavano perplessi) e in una  mezza giornata (alle ore 17.00 sarei dovuto essere di nuovo al lavoro) ho realizzato gli ikebana che avevo pensato nei giorni precedenti. Ho chiamato un fotografo locale perché pensavo che per un libro del genere le mie foto fossero troppo hobbistiche.

Il maestro Farinelli ha avuto un po’ più di agio rispetto a me, ma comunque i tempi di lavoro erano brevi anche per lui.

Abbiamo avuto la soddisfazione di sapere proprio stamani (Grazie al maestro dell’Ikenobo Regi Bockhorni) che ognuno di noi due ha una foto pubblicata in questo prestigioso libro e ci fa piacere essendo appartenenti ad un gruppo ufficiale della scuola Sogetsu che opera nel nostro territorio e con l’edizione precedente siamo stati i primi italiani ad esser chiamati a partecipare.

E, soprattutto, io sono fiero perché so il sangue che ho versato su quei lavori proporsti che sono tanto miei quanto di Silvia ed Ilaria (loro seguivano le foto, versavano l’acqua nei contenitori mentre io preparavo il lavoro successivo).

Qui pubblico due foto, una mia ed una di Lucio Farinelli, che ovviamente non sono quelle pubblicate nel libro, anche se ormai è edito, perché ci sembra un comportamento etico non divulgarle visto che è reperibile da pochi giorni. Se fosse solo una raccolta di belle foto reperibili già da un anno su Facebook od  Instagram sarebbe sminuire un lavoro così prezioso come quello effettuato dalle redattrici di questa bellissima collana dedicata al mondo dell’ikebana.

LucioFarinelli3

(Ikebana di Lucio Farinelli – foto di Lorenzo Palombini)

LucaRamacciotti1a

(Ikebana di Luca Ramacciotti – suiban di Cer – foto di Rinaldo Serra rieditata da Lorenzo Palombini)

Concentus Study Group

Tag:, , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , ,

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: