Skip to content

Luca Ramacciotti – Sogetsu Concentus Study Group

www.sogetsu.it

Monthly Archives: dicembre 2019

Eccoci al consueto consuntivo di fine anno. Un anno splendido per il Concentus che ancora una volta si è imposto tra le eccellenze del mondo dell’ikebana Sogetsu.

GENNAIO

Inizio alla grande con l’impegno presso l’Istituto Giapponese di Cultura: “Hana Monogatari” una mostra/dimostrazione che ancora una volta ci ha visti protagonisti su questo prestigioso palco. Siamo onorati e felici che questa Istitutzione ci inviti sempre a rappresentare l’ikebana Sogetsu ed essere eredi della maestra Lina Alicino che, solo lei, prima di noi ha esibito la sua arte in questo luogo. Grazie, al solito, alla presenza delle nostre allieve abbiamo potuto dare il meglio di noi stessi.

50544987_2043089692404634_2743361668275765248_o

50227143_2043275392386064_4069222032510812160_n

50593788_2045801308800139_7489704364655771648_o

FEBBRAIO

Il maestro Lucio Farinelli viene scelto da STAMBA per rappresentare i loro prodotti. Un importante riconoscimento internazionale.

Screenshot_2019-02-07 (1) STAMBA - Home

MARZO

In questo mese mi viene offerta una possibilità di collaborazione su cui medito molto prima di accettare perché spesso in Italia il concetto di Shibari è visto in un’ottica sessuale e non culturale e difficile da comprendere se non si hanno fatti approfonditi studi della cultura giapponese. A coinvolgermi è l’artista Luca Sarca Martello. A questo link l’articolo relativo. Non rimetto qui la foto perché in diversi rimasero perplessi da questa collaborazione. Ma il male è sempre nell’occhio (e nella mente) di come guardiamo le cose.

APRILE

Mostra e dimostrazione a Pomezia in una giornata dedicata al mondo orientale. A supportare il sottoscritto e il maestro Farinelli l’allieva Silvia Sordi.

 

Nell’ambito delle concatenazioni artistiche che solo il nostro gruppo ha ideato e portato avanti negli anni in Italia realizzo, a lezione dai maestri ceramisti Sebastiano Allegrini e Angelica Mariani, dei vasi che poi saranno decorati dalla mosaicista Caterina Vitellozzi. Per la prima volta nel mondo un vaso da ikebana si sposa con un mosaico.

_MG_5288

_MG_5264

_MG_5270

_MG_5285

Il Merano Festival consultata ancora una volta la maestra Patrizia Ferrari  per rappresentare (come lo scorso anno) l’ikebana Sogetsu e decidiamo di coinvolgere Ilse Beunen per un’installazione che vedrà la partecipazione attiva della stessa Patrizia e di Silvia Sordi. Ringraziamo Patrizia per essersi sobbarcata, a nome del Concentus, tutta l’organizzazione e la preparazione materiale e per essere riuscita ad avere un articolo relativo all’evento sulla rivista Gardenia.

MAGGIO

A maggio importante collaborazione tra di noi e l’artista Caterina Vitellozzi, ringrazio il maestro Farinelli per aver seguito tutta l’organizzazione da solo essendo io in Cina per lavoro. L’importanza della squadra si vede proprio in questi frangenti. E sono felice che se, uno dei due maestri è assente, non si fermi l’attività del gruppo.

chiara_3

daniela_2

LIS_1

nanae_3

patrizia_3

silviaS_2

La nostra allieva Rumiana Uzunova viene chiamata a realizzare ancora una volta degli ikebana per vetrine di negozi lungo la prestigiosa Via dell’Aventino in Roma (tra la Piramide Cestia e il Circo Massimo) segnalandosi come l’ikebanista di riferimento della zona.

LUGLIO

In un periodo di calura che, solitamente, ci vede fermi siamo stati coinvolti nell’importante manifestazione umanitaria “Io sono Ginestra“. Ringraziamo Giacomo Puglisi per averci coinvolto.

64821926_1640911476052333_159731882437640192_n

526_02

20190626_162328

IMG_6105

Nanae03

ginestra_w

received_318605409095072

OTTOBRE

Ottobre ci vede impegnati in Giappone in un’esperienza che credo sarà ben difficile da scordare od eguagliare tra

incontri

lezioni

mostre

e ultime cose da organizzare per l’internazionale workshop del mese successivo

oltre ad essere fermati in metro ad Osaka da un ikebanista della Sogetsu giapponese che ci aveva riconosciuto.

concentus_ikebana_sogetsu@p@B3dxoMcBinh@0@0.jpg

NOVEMBRE

Novembre è stato tutto sull’onda della presenza, per la prima volta in Italia, di una star internazionale dell’ikebana come Mika  Otani.

Otani sensei, su nostro invito in Italia, ha calamitato l’attenzione degli ikebanisti europei (non solo della Sogetsu) che sono venuti a Roma a seguire i vari eventi che l’hanno vista protagonista a partire dalla mostra/dimostrazione presso Campomarzio70 per il lancio dei profumi della maison Floraïku dedicati al mondo giapponese (ikebana, cerimonia del tè e cerimonia degli incensi)

all’importante dimostrazione pubblica presso l’Istituto Giapponese di Cultura (con patrocinio dell’Ambasciata del Giappone)

che ha visto collaborazioni preziose come il maestro di ceramica Sbestiano Allegrini o il designer Luca Gnizio

_MG_8562

per poi sfociare in tre importantissimi e stupendi workshop

Per uno dei tre workshop (Unconventional material) per la prima volta nel mondo si è potuto utilizzare dei frammenti di cartapesta derivati da uno dei  grandi carri allegorici del Carnevale di Viareggio.

_MG_9339_MG_9340_1

Il workshop si è caratterizzato anche per la collaborazione con l’artista Massimo Alafaioli che ha realizzato a tiratura limitata un disegno apposito che è stata donato a tutti i partecipanti.

20191110_004938-01

A seguito del successo dell’evento presso la sede romana di Campomarzio70 siamo stati chiamati a rappresentare l’ikebana Sogetsu anche nella loro filiale fiorentina dove poi la maestra Silvia Barucci ha anche realizzato la vetrina natalizia.

75027887_2540444976002434_8379986965549809664_o

75513352_2540444952669103_3070764680197701632_o

74866352_2540444969335768_9089992965643829248_o

73420358_2541097079270557_831835968670531584_n

 

76784543_2446334158988262_5139630785795457024_n.jpg

Non mi resta altro che farvi gli auguri di Buone Feste, ringraziare chi ci ha seguiti e supportati e ci vediamo… il prossimo anno!

Concentus Study Group

 

 

 

Tag:, , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , ,

Nel libro del V livello della scuola Sogetsu nella lezione inerente gli ikebana per le festività si parla dell’utilizzo dei mizuhiki.

I mizuhiki sono dei sottilissimi cordoncini giapponesi fatti di carta washi reslizzata a mano che è strettamente avvolta, irrigidita e colorata. Il risultato è un cavo molto flessibile e resistente che rappresenta un’ottima alternativa al nastro per legare i regali. Poiché queste corde colorate mantengono bene la loro forma, possono essere piegate, attorcigliate, annodate, piegate e intrecciate in fantastici disegni.
Tradizionalmente in Giappone i mizuhiki sono usati per fare nodi ornamentali legati a regali su misura per eventi speciali.

In ikebana non è facile utilizzarli perché facilmente possono dare l’effetto di qualcosa attaccato ad un ramo, estraneo al nostro lavoro.

Vi sono due tipologie di “nodo” tradizionale: Hinode e Takenaga.

Lo scorso ottobre in Giappone chiedemmo alla maestra Mika Otani una lezione appositamente su questo tema perché essendo strettamente connesso alla tradizione giapponese, svilupparlo da noi avrebbe portato sicuramente a commettere degli errori. Infatti ho visto spesso ikebana che presentavano mizuhiki messi a nido di rondine tra i rami o due o tre fili annodati ad un ramo.

Invece prima di tutto i mizuhiki da mettere devono essere almeno un mazzo.

Mika Otani sensei ci fece trovare due mazzi uno color argento ed oro e uno bianco e rosso. Il primo lo utilizzai io con il nodo Takenaga e il secondo il maestro Lucio Farinelli ricorrendo all’Hinode.

received_557583481456619

(Ikebana e foto di Luca Ramacciotti)

received_2461897077471571

(Ikebana di Lucio Farinelli – foto di Luca Ramacciotti)

La maestra Otani ci fece vedere anche foto di ikebana dove i mizuhiki erano usati “sciolti” in stile libero e poi ci mettemmo al lavoro.

Confesso di essere rimasto così entusiasta di questa lezione che alla scorsa mostra presso Campomarzio70 ho subito voluto metterla in atto.

La stessa maestra Otani li ha utilizzati durante la dimostrazione che ha tenuto presso l’Istituto Giapponese di Cultura su nostro invito.

FB_IMG_1576551281896

(Ikebana di Mika Otani – vaso di Sebastiano Allegrini – foto di Lorenzo Palombini)

Lo scorso dicembre alle maestre che ne avevano fatto richiesta a nostra volta abbiamo insegnato loro come utilizzarli.

È innegabile che per i temi dell’ikebana non ci si possa improvvisare e che senza la guida di un (vero) maestro si rischia solo di scimmiottare certi temi senza progredire sul cammino dei fiori Senza maestri, senza continuare lo studio diventeremo più aridi di un fiore secco.

E data la stagione in corso la lezione sui mizuhiki non poteva che vertere sul Natale.

Da tutti noi a tutti voi: Auguri!

FB_IMG_1576549297812

(Ilebana e foto di Luca Ramacciotti- vaso di Luca Pedone)

(Ikebana di Lucio Farinelli – vaso di Sebastiano Allegrini – foto di Luca Ramacciotti)

(Ikebana di Silvia Barucci – vaso di Sebastiano Allegrini – foto di Luca Ramacciotti)

(Ikebana di Ilaria Mibelli – vaso di Sara Kirschen – foto di Luca Ramacciotti)

Concentus Study Group

Tag:, , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , ,

Quando ancora eravamo studenti, Lucio Farinelli, paragonò la scuola Sogetsu alla Bauhaus. Questo paragone man mano che si andava avanti con lo studio pareva sempre più stretto e connesso.

Già in un mio precedente post avevo sviscerato questo connubio di due realtà artistiche nate a distanza otto anni l’una dall’altra.

Lo scorso sabato abbiamo deciso di realizzare degli ikebana cone alcune maestre del gruppo avanzato proprio ispirati a questo movimento.

Per noi è importante da sempre approfondire lo studio dell’ikebana con contaminazioni artistiche senza fermarsi alla “mera” composizione soprattutto man mano che gli anni di studio si accumulano.

Ognuno ha cercato di realizzare ikebana traendo idee dall’architettura, dalla pittura o dal design di questo importante movimento culturale.

Ringrazio il maestro Farinelli che ha accolto e condiviso, come sempre, questa mia iniziativa (anche perché l’accostamento partì da una sua idea come scritto in apertura) e le maestre che hanno potuto partecipare.

_MG_6696

(Ikebana di Lucio Farinelli – foto di Luca Ramacciotti)

_MG_6584a

(Ikebana e foto di Luca Ramacciotti)

_MG_6702

(Ikebana di Lucia Coppola- contenitore del Designer Marco Rubini – foto di Luca Ramacciotti)

_MG_6706

(Ikebana di Silvia Barucci – foto di Luca Ramacciotti)

_MG_6698

(Ikebana di Ilaria Mibelli – vaso di Maria A. Listur smaltato da Luca Ramacciotti – foto di Luca Ramacciotti)

 

Concentus Study Group

 

 

Tag:, , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , ,

Durante il recente workshop tenuto da Mika Otani a Roma su nostro invito uno dei workshop verteva sul tema del IV livello della scuola Sogetsu: “With leaves only”. Tenevo particolarmente a lavorare con le foglie non solo perché è un tema difficile, ma spesso c’è confusione tra questa lezione e quella del III livello (“Composition of Surfaces by Using Leaves”). Infatti ricordo di una maestra (per fortuna non del nostro gruppo) che aveva partecipato ad un workshop e mi disse che, nonostante l’esempio fatto dal maestro, non aveva capito quale dei due temi avesse svolto.

Inoltre è molto difficile essere creativi utilizzando solo le foglie. Infatti ho sempre ammirato un’idea che il Maestro Farinelli ebbe nel 2017 su questo tema andando, fra l’altro, ad utilizzare come contenitore una mattonella di vetrocemento.

468_01

(Ikebana e foto di Lucio Farinelli)

_MG_9343_1

Proprio perché fossero chiare le differenza tra i due temi abbiamo chiesto a Mika Otani sensei di fare degli esempi pratici.

Mika_Otani1

Mika_Otani2

Questi sono due esempi di “With leaves only”

mentre il sottostante di “Composition of Surfaces by Using Leaves”

Mika_Otani

In “Composition of Surfaces by Using Leaves” noi andremo a mettere il focus proprio sulle diverse superfici che caratterizzano le varie tipologie di foglie. Possiamo utilizzare tante foglie diverse o anche una sola andando a scegliere grandi foglie o piccole, l’importante è che diano una forma tridimensionale, mai piatta e non devono essere forzatamente sovrapposte. Si può aggiungere anche un fiore per mettere in risalto la superficie, i colori e la forma delle foglie.

Si può dire che “With leaves only” sia un’evoluzione della precedente. Si scelgono due o più tipi di foglie anche quelle meno utilizzate in ikebana. Qui le foglie si possono manipolare, si può mostrare anche la pagina negativa, andarle a dividere, ricomporre senza porre limiti alla fantasia. Come ha detto la stessa insegnante durante il workshop dovremo, attraverso l’uso delle foglie, andare a creare una scltura che dia anche senso di movimento, plasticità e tridimensionalità.

Tutte le foto, dove non specificato, sono di Lorenzo Palombini

Concentus Study Group

 

 

 

Tag:, , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , ,

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: