Skip to content

Luca Ramacciotti – Sogetsu Concentus Study Group

www.sogetsu.it

Nell’ottica di una possibile mostra, o nella realizzazione di un ikebana per uno spazio espositivo diverso come può essere la hall di un albergo o la vetrina bassa di un negozio la Sogetsu propone questa tipologia di ikebana. Può essere tanto un ikebana piccolo come grande, ma è importante comprendere che va visto dall’alto.

Per capirci meglio, noi stiamo passando in una stanza ed ecco lì il nostro ikebana che non è posto su un tavolino né su un supporto basso. Porto tre miei ikebana come esempio “sbagliato”.

Non è questa situazione

181806_10150886286487509_1003658369_n

né queste altre due

 

 

Cosa vuol dire che è posizionato a terra quindi?

Ovviamente non che lo metti in terra e ciaone. Non serve nemmeno sdraiarsi in terra e fotografarlo da lontano come fosse sulla Luna. Va ideato un ikebana che vedendolo dall’alto sia ben inquadrato nell’ambiente circostante, che passando non si abbia un senso di instabilità, ma che dia l’idea di essere ben posizionato a terra e che non rovini il pavimento con eventuale perdite di acqua (nel caso vi posizioneremo qualcosa sotto che non dia l’idea della tovaglietta o della toppa, ma che sia integrato nel tutto).

Può essere in orizzontale, in verticale, grande o piccolo come dicevo prima, ma l’importante è che appunto dia senso di stabilità e che sia interessante da ogni lato o almeno tre nel caso fosse innanzi ad una parete. Ovviamente non dobbiamo mettere due fiori in un vaso senza alcun fissaggio e magari aggiungere un ramo o una foglia secca per dare il tocco artistico, ma (al solito) dare un senso di uniformità al tutto e soprattutto, lo ripeto ancora una volta, di solidità.

Per farlo possiamo fare qualsiasi scelta tematica dal tono su tono (ovvero materiali della stessa sfumatura di colore, il contenitore invece può essere anche di colore differente essendoci un’apposito tema su questo), o con colori in contrasto, massa e linea, slancio verticale, orizzontale, solo rami, solo colore verde e chi più ne sa più può sbizzarrirsi nella creazione.

17349660_1322133347833609_2978943063966207950_o

In questo caso io dovetti realizzarne uno per la mia regia di Madama Butterfly in Nicaragua con quel che trovai al momento (vaso compreso!). Lì dovevo pensare anche che avevo sì il punto di vista dei cantanti, ma anche quello (più basso – platea- e più alto – galleria) degli spettatori. Il tutto con pochi fiori. Ricorsi a tutto il mio possibile scibile sull’argomento.

unnameda.jpg

Questo invece fu realizzato da Ilaria Mibelli durante la lezione che si svolse a Livorno e sinceramente non fui molto buono a darle quell’amgolo del centro da gestire sia per ciò che c’era a terra sia dietro (e i vari colori!), ma Ilaria Riuscì a creare il giusto ikebana.

Nanae Yabuki

Anche questo è stato realizzato a lezione (vaso di Sebastiano Allegrini). E’ del corso di Roma ed è stato eseguito da Nanae Yabuki che scelse i materiali proprio pensando alla posizione in cui le avevamo chiesto di posizionarlo. Alla stessa lezione partecipò Tiziana Biondo il cui lavoro lo vedete nella copertina dell’articolo. Ovvero il sottostante.

Tiziana

unnamed

Silvia Barucci ideò questo ikebana (vaso di Sebastiano Allegrini) contestualizzandolo in questo ingresso di porta romana (ricordiamoci non abbiamo limiti di fantasia per dove andare a posizionare il nostro lavoro. Rammentiamolo per quando un committente ci fa le più curiose richieste).

33100515_1723330117713928_4660824601821970432_n

Lucio Farinelli invece ebbe l’ingrato compito alle Terme di Merano di svolgere questo tema con alle spalle una vetrata per cui dovette fare realmente una composizione a 360 ° e, ahimè, posizionarla in un punto di passaggio. Per fortuna a Merano sono civili e, capendo che quella era un’opera d’arte, nessuno ci montò sopra.

Quindi come si vede le possibilità sono infinite. L’unica condizione è di comprendere bene il tema e non semplicemente di fare un ikebana e poi posizionarlo sul pavimento perché la prospettiva al 99% (voglio essere clemente) sarà sbagliata.

Concentus Study Group

Annunci

Tag:, , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , ,

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: