Skip to content

Luca Ramacciotti – Sogetsu Concentus Study Group

www.sogetsu.it

_MG_4166

(Ikebana, foto e contenitore di Luca Ramacciotti)

Uso questa bellissima frase di Ardengo Soffici per fare il punto su alcune riflessioni che ho fatto a mente (quasi) riposata dopo un intenso weekend dedicato alla mia crescita culturale e al dedicarsi a ciò che ci fa stare bene.

Lo scorso sabato, come scritto nel post precedente, era nostro ospite Antonio Alessandria  per parlarci dell’affascinante mondo dei profumi, nel pomeriggio abbiamo tenuto lezione di ikebana e così anche ieri mattina (domenica) questa volta  ospiti del laboratorio Pots.

Organizzare eventi è sempre fonte di preoccupazioni e responsabilità sia verso chi ospitiamo sia verso coloro che partecipano. Potremmo limitarci a fare “solo” lezione di ikebana o workshop legati a questa arte. Ecco questo è, forse, il punto. L’ikebana non è SOLO una composizione di fiori. Non lo è per me, ma nemmeno per la mia scuola che invita sempre ad andare a vedere mostre d’arte, di design, a intersecare la nostra arte con ogni espressione della creatività umana.

Per questo sono davvero lieto verso le allieve che hanno compreso e condivisivo questo sentiero dove ogni possibile espressione si può riversare nel mondo dell’ikebana Sogetsu.

Fare ikebana vuol dire sì compiere un percorso di studio (molto), di pratica (molta), di osservazione (moltissima), ma anche di guardarsi attorno a 360° e trarre ispirazione da tutto ciò che ci colpisce l’animo e la mente. Essere informati di e su ogni cosa. Per questo presto volentieri alle mie allieve tutti i libri che posseggo sia sull’ikebana, sia sulla cultura giapponese.

Come maestro ho il dovere di stimolare gli allievi verso ogni possibile iniziativa, evento, mostra, tutto può essere fonte di ispirazione di apprendimento.

Per questo quando con Lucio Farinelli prepariamo (con un mese di anticipo) le lezioni studiamo attentamente quali vasi far usare, materiali etc. Poniamo agli allievi delle sfide con materiali difficili o vasi difficoltosi.

E’ una sfida far comprendere ai nuovi allievi le regole, le nozioni, ma non applicarle sterilmente come una formula di matematica, cercare di trasformarle in poesia. In fin dei conti facciamo qualcosa di estetico che deve riverberare con il nostro io più profondo e farci stare bene.

Ed è una gioia vedere quelle allieve che portano a termine il loro cammino divenendo maestre come Ilaria, Nicoletta, Rosaria, Silvia e Tiziana a cui auguro buon proseguimento lungo la via dei fiori. A loro dedico il mio ikebana in apertura.

Per me, e per Lucio, è anche gioia vedere che si accavallano gli impegni le proposte, che le nostre attività hanno una programmazione quasi mensile, che mentre è in esecuzione la mostra presso Pots (iniziata proprio oggi) già si stanno delineando gli impegni per aprile, maggio e settembre e che la programmazione per il 2019 è in atto.

In realtà abbiamo già date anche per il 2020 e 2021, ma di questo avremo, ovviamente, tempo per parlarne.

Concentus Study Group

 

Annunci

Tag:, , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , ,

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: