Skip to content

Luca Ramacciotti – Sogetsu Concentus Study Group

www.sogetsu.it

Monthly Archives: aprile 2017

IMG_8422

L’ikebana è un’arte dai ritmi lenti. Ci vuole il suo tempo per imparare. Le scorciatoie, le corse non portano a nulla, come sempre dico a lezione è la qualità non la quantità a far progredire lungo la via dei fiori. Incito gli allievi a documentarsi, a prendere libri, a confrontare gli ikebana che si vedono online dei grandi maestri. Come scritto più volte qui, non siamo a fare la raccolta dei bollini che ci portano ad ottenere un certificato, ma a crescere personalmente.

Che in due anni in Italia (prima io poi due mie allieve) solo il nostro gruppo di studio abbia avuto premi al concorso della scuolaEveryone’s Sogetsu Ikebana Exhibition fa sì che segnali a tutti il nostro giusto approccio a questa arte e che sia di sprone a noi di fare ancora meglio e non sederci su allori con un atteggiamento che porterebbe lontano dalla via dei fiori.

A lezione porto sempre esempi di ikebana che si vedono online ed incito tutti a seguire la piattaforma ideata da Ilse Beunen e Ben Huybrechts perché molto istruttiva. Ed io percorro lo stesso percorso che fanno i miei allievi perché non mi sento superiore a loro, ho solo iniziato prima.

IMG_8389

Se cerco nuovi stimoli in quest’arte (assiemea Lucio Farinelli) è perché crediamo in essa e vogliamo spronare gli allievi a sperimentare sempre nuove vie, a provare ogni cosa e, nello stesso tempo, lasciamo che chi ne sa veramente più di noi ci faccia progredire.

Al di là che la nostra scuola inciti veramente a fare buone foto dei nostri lavori (ricordo ciò che scrisse la nostra Iemoto per il IV Concorso della Sogetsu – quello vinto dal sottoscritto – “As I say every time, for this exhibition your works are judged on the photos submitted by you. Therefore, please think carefully about expressions that only photos can do justice to or any angle that you want to say, “Look at my work from here!” You must enjoy both arranging flowers and using your creativity to show your work more impressively.”) credo che dobbiamo sempre tendere a migliorare tutto ciò che concerne il nostro studio (come spingono a fare anche i Fifty Principles of Sogetsu o come scritto nello stesso Kadensho) con l’umiltà di colui che apprende. Giustificare le proprie negligenze con scuse serve solo a farci rimanere fermi sul nostro posto a non progredire.

IMG_8385

Ho sempre ascoltato i consigli di Lorenzo Palombini, Ben Huybrechts, Giuseppe Cesareo per ciò che concerne la fotografia, come è anche vero che appena scendono in campo loro io mi ritiro in sordina e sto ad ascoltare ed apprendere.

Così come quando Rinaldo Serra ci fa i piacere e l’onore di stare ad una nostra lezione. Ascolto i consigli che dà, osservo come lui fotografa e posso solo ringraziare per avere amici così preziosi che mi aiutano a crescere.

E lascio la parola all’arte di Rinaldo dicendogli ancora e solo grazie.

IMG_8369

IMG_8410

IMG_8407

IMG_8436

IMG_8445

08042017-_MG_6981

IMG_8479

IMG_8375

IMG_8484

E un grazie anche a Silvia Testa per averci ospitato nella cornice di Villa Orlando.

Tag:, , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , ,

IMG_8515.jpg

Nel precedente post ho parlato delle prime due lezioni fatte con le allieve toscane che stanno studiando il quinto anno della scuola Sogetsu.

La terza lezione era particolare ed avevo assegnato loro il compito di scegliere tutto dai vasi al materiale da utilizzare alla forma.

Fin dal primo anno di studio chiedo agli allievi di acquistare il “Kadensho” (un libro che dovrebbe essere conosciuto a memoria da tutti i maestri Sogetsu perché fonte di ispirazione) e “The Fifty Principles of Sogetsu”, 50 idee, spunti, ispirazioni (raggruppati in varie sezioni tematiche) per compiere la via dei fiori.

Una lezione del libro del V livello verte proprio su questi principi ed è stata questa che ho chiesto alle allieve di preparasi da sole, come se fosse un piccolo esame in cui mi dimostravano la loro preparazione tecnica ed estetica e quanto riuscissero a focalizzare un tema.

La correzione poi è stata effettuata dal maestro ospite Lucio Farinelli.

Nicoletta Barbieri

IMG_8567

(vaso di Alessia Nannicini)

IMG_8569

Nicoletta aveva scelto come principio:

(N° 48 – Essence of Creativity) “Remember there are always new, surprising themes and approaches to arranging ikebana.”

Nicoletta aveva in mente un ikebana dall’aspetto visivo etnico e per questo è andata a selezionare del materiale che, seccandolo e colorondaolo, si sposasse pienamente alla sua idea. Se nel primo ikebana l’importante vaso pare di legno, nel secondo caso lo è veramente e per forma e decorazione ci catapulta nel mondo ideato da Nicoletta che nel primo esempio è messo in risalto anche dal tipo di orchidea da lei scelta.

Silvia Barucci

IMG_8565

Silvia aveva scelto come principio:

(N° 39 – Rules of Display) “Ikebana must appear as if it is a product of the environment in which it is displayed.”

Silvia, sapendo il luogo in cui si sarebbe svolta la lezione (Villa Orlando a Torre del Lago ospiti di Silvia Testa) si è documentata guardando online le foto del posto. Quindi ha scelto le piante, i fiori che crescono in prossimità di laghi e fiumi andando a selezionare quelli che si armonizzavano tra di loro. Il vaso scelto è di vetro proprio per ricordare l’acqua del lago. Essendo trasparente ha coperto il kenzan con dei sassi monocromatici di granito.

Rosaria malito Lenti

IMG_8573

Rosaria come principio aveva scelto:

(N° 34 – Rules of Display) ” The harmony of flowers and container should fill the entire space.

Rosaria ha utilizzato dei vasetti donati dalla sorella ed ha realizzato un ikebana che andasse a muoversi e nello stesso tempo le rievocasse il vento che spesso corre sulle coste labroniche dove vive.

Ilaria Mibelli

IMG_8580

Ilaria come principio aveva scelto:

(N° 32 – Containers) ” Green bamboo tubes and simple rustic jars also make the best containers.”

Ilaria non solo ha letto il principio che le interessava, ma è andata sviscerarlo al meglio proprio nel libro sopra indicato. Dato che le piace sperimentare, anche usando dei contenitori non convenzionali come il vasetto rosso che in realtà è un profumatore per ambienti, ha deciso di giocare con i colori sia dei vasi sia dei materiali floreali. Così ha scelto delle fresie bianche e dell’asparagina che ha tinto di bianco (per creare tensione tra gli elementi) e d blu (che andava ad armonizzare con uno dei tre contenitori).

Concentus Study Group

Tag:, , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , ,

08042017-_MG_6983

(da sinistra Lucio Farinelli, Silvia Barucci, Luca Ramacciotti, Rinaldo Serra, Ilaria Mibelli, Rosaria Malito Lenti, Nicoletta Barbieri e Fabio Uggeri)

Ieri eravamo ospiti nella suggestiva cornice di Villa Orlando a Torre del Lago e per questo saremo sempre debitori a Silvia Testa che ci ha accolto in questo suggestivo Eden che per me ha anche un significato particolare dato il suo legame con Giacomo Puccini.

Sulla terrazza con vista lago di Massaciuccoli e nel silenzio più completo siamo stati raggiunti da Roma dal maestro Lucio Farinelli e da un altro amico il fotografo Rinaldo Serra e per lui da una visita di piacere è divenuta una lezione (e sessione) di fotografia per noi.

Lavorare in mezzo alla natura, al sole (con le fronde degli alberi che ci riparavano da esso), con la pace nel cuore ci ha permesso di concentrarci con una tranquillità che è stato un balsamo per l’anima.

09042017-IMG-20170409-WA0009.jpg

(Foto di Fabio Uggeri)

La prima lezione era “Green Plant Materials” e per quella Lucio aveva portato da Roma dei Lisianthus verdi e un mazzo di Diantus Barbatus verde a cui sono state aggiunti dei rami e delle foglie…. che abbiamo preso arborizzando per strada.

Seguendo i dettami della Sogetsu sull’importanza delle foto (e vedendo anche il bellissimo nuovo libro di Akane Teshigahara) abbiamo subito lasciato il campo a Rinaldo e alle sue foto professionali.

IMG_8396

(Ikebana di Silvia Barucci)

IMG_8397

(Ikebana di Nicoletta Barbieri)

IMG_8420

(Ikebana di Rosaria Malito Lenti)

IMG_8405

(Ikebana di Ilaria Mibelli- vaso rotondo di Daniela Petruccioli)

08042017-_MG_6951.jpg

(Foto di Luca Ramacciotti)

La seconda lezione (della terza ne parlerò a parte) invece verteva su  “Japanese Iris, Rabbit – ear Iris” e la tecnica dell’Hagumi (che io conoscevo da anni avendola vista su un libro di Wafu Teshigahara) vista nell’ottica della Sogetsu che, come si dice nel libro di testo del V livello, si può realizzare anche con le Iris normali non avendo a disposizione quelli giapponesi.

IMG_8434

(Ikebana di Silvia Barucci – suiban di Cer)

IMG_8443

(Ikebana di Rosaria Malito Lenti – suiban di Sebastiano Allegrini)

IMG_8439

(Ikebana di Nicoletta Barbieri)

IMG_8441

(Ikebana di Ilaria Mibelli)

E dato che “tutti i Salmi finiscono in Gloria” abbiamo cenato poi da Serendepico per lasciarci cullare dallo chef Masaki Kuroda e dalla sua incredibile bravura.

08042017-20170408_230033.jpg

Concentus Study Group

 

Tag:, , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , ,

P1100550

(Ikebana e foto di Nicoletta Barbieri)

Apro questio mio post (son prolifico in questi giorni) con questo ikebana realizzato da Nicoletta Barbieri al V livello di studio della scuola Sogetsu.

Seguendo le allieve per cinque livelli (tanto dura il corso Sogetsu completo) si seguono anche le vicissitudini private sia positive sia negative, si diviene una famiglia allargata.

Si vedono i “figli” che vanno bene a scuola, chi si impegna, chi studia, ma….

Una volta parlando con un insegnante di diplomi lei mi disse che se vedeva una persona priva di talento lei non concedeva nessun certificato, idem se il materiale inserito nell’ikebana non era perfetto (tagli e kenzan a vista etc). Su questi argomenti era molto rigorosa.

Contestavo questa affermazione sul primo punto perché per me al talento deve subentrare anche, e soprattutto, la passione.

Ieri sul suo profilo di Facebook lo shodoka e fotografo Riccardo Sirica scriveva:

“La tua arte non è fatta di quanto le altre persone amano il tuo lavoro. La tua arte è se il tuo cuore e la tua anima amano il tuo lavoro. Si tratta di quanto onesto sei con te stesso. Mai scambiare onestà per affidabilità.”

Per questo rimasi perplesso quando un’allieva di ikebana disse che non le era mai stato detto che era brava. Credo di non averlo mai detto a nessun allievo, ma nemmeno ad un mio lavoro. Non ho mai guardato ai titoli, ai certificati, ai livelli, ma al cuore della questione. Anche perché, credo, che fare arte nasca da un impulso del nostro animo nel ricercare qualcosa di bello, che ci faccia stare bene con noi stessi. Non si fa per essere applauditi di continuo, ma per sorridere spesso.

Ho sempre chiesto alle allieve di esercitarsi a casa, di mandarmi le foto dei loro lavori. Chi ha potuto lo ha fatto costantemente, chi non ha sempre potuto lo ha fatto quando la vita privata e lavorativa lo ha permesso e poi c’è chi non ha voluto accampando scuse di una banalità sconcertante e spesso in contraddizione coi fatti.

Ovviamente ognuno è libero di seguire un corso come vuole, ma si ritorna al discorso di prima ” La tua arte è se il tuo cuore e la tua anima amano il tuo lavoro. Si tratta di quanto onesto sei con te stesso.” E credo che le arti orientali dimostrino, più di altre, palesemente se ci metti il cuore o meno. E non si può ingannare lo sguardo del cuore di una persona.

Se allieve come Silvia o Ilaria hanno potuto esercitarsi spesso, Nicoletta per via del lavoro no. Per cui quando mi ha mandato la foto di apertura del blog mi son commosso. Non solo perché è davvero un bell’ikebana, ma la cura della foto, la scelta dello sfondo, è un lavoro che nella sua complessità dice: Nicoletta ama l’ikebana. Ed è questo per me che vale. Perché so che quando terminerà il percorso da maestra non si sventolerà col suo certificato per farlo vedere a tutti, ma continuerà (e come lei per fortuna le altre allieve) a studiare con passione quest’arte.

Concentus Study Group

Tag:, , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , ,

20170401_084320

Alzarsi la mattina presto per me è da sempre problematico. Alle 6 del mattino lo posso fare solo per le mie allieve di ikebana. Sabato scorso 1 aprile avevamo lezione di ikebana e al mattino con le allieve andavamo al Mercato dei Fiori dove ormai da anni abbiamo stabilito rapporti con diversi fornitori, ma nella maggior specie con Massimo D’Ortenzi – Quattroemme (con me in foto) perché a qualsiasi ora del giorno o della notte lo si contatti riesce sempre a darci una risposta e procurarci il materiale che ci serve. E sabato lui e i suoi collaboratori hanno pazientemente subito la nostra invasione di massa.

17554577_1335907636456180_6752612698329160833_n

Solitamente si va con le allieve del III livello e basta perché ci sono tre lezioni legate ai colori e noi indichiamo che vaso utilizzeranno e chiediamo loro di pensare a quali materiali utilizzare. Stavolta in pratica eravamo tutti dal I livello al V. E questo ha fatto molto piacere sia al sottoscritto sia a Lucio Farinelli perché dimostra quanto le nostre allieve stiano studiando davvero con passione.

Terminate tutte le compere (in pratica mezzo Mercato dei Fiori perché ci sono state allieve che hanno comperato anche i fiori per loro uso personale) abbiamo tenuto tutto il giorno il corso di ikebana. Pubblico di ognuna di loro uno dei tre ikebana eseguiti a lezione.

_MG_6722

Antonella Lefevre – Improving Your Technique “In a Suiban without Kenzan” – suiban di Cer

_MG_6766

Tiziana Biondo – Floor Position Arrangement – Tusbo di Sebastiano Allegrini

_MG_6736-2

Rumiana Uzunova – Seconda Variazione Verticale – suiban di Cer

_MG_6724

Free Style e vaso di Daniela Petruccioli

_MG_6768

Daniela Bongiorno – Quinta Variazione – suiban di Cer

_MG_6779

Patrizia Ferrari – Colors in the Same Tonal Range – tsubo di Sebastiano Allegrini

_MG_6784

Chiara Giani – Colors in the Same Tonal Range – vaso di Sebastiano Allegrini

_MG_6815

Nanae Yabuki – Color of the Container – tsubo di Sebastiano Allegini

_MG_6825

Free Style e vaso di Silvia Sordi

E la sera, seppur stanchi come potevamo non ritrovarci a cena assieme dato che dalla Toscana ci raggiungevano anche Silvia Barucci ed Ilaria Mibelli in vista del workshop della domenica?

16508608_1288330454547232_8655971417982126071_n.jpg

Ancora una volta il Maestro Sebastiano Allegrini ci aveva riservato una giornata di studio inerente l’arte ceramica. Se le scorse volte ci si era cimentati con il colombino e il raku, questa volta invece si sarebbe affrontata la tecnica a lastra. Per questioni di capienza (sempre perché il tutto si svolga in sereneità, spazio e professionalità, a malincuore io ho dovuto rinunciare alla partecipazione, ma è anche vero che cerco di seguire (con i tempi che il mio lavoro permette) il corso mensile di questo bravissimo maestro la cui “ottica” giapponese ben si concilia con le nostre esigenze.

Ringrazio Angelica Mariani per aver affiancato il Maestro Allegrini nel workshop e per le foto che ha scattato.

IMG-20170402-WA0020

IMG-20170402-WA0021

IMG-20170402-WA0022

IMG-20170402-WA0023

IMG-20170402-WA0024

IMG-20170402-WA0025

IMG-20170402-WA0026

IMG-20170402-WA0027

IMG-20170402-WA0028

IMG-20170402-WA0029

IMG-20170402-WA0031

IMG-20170402-WA0033

IMG-20170402-WA0030

IMG-20170402-WA0036

IMG-20170402-WA0038

IMG-20170402-WA0032

Per la scuola Sogetsu è molto importante che un ikebanista sappia ideare (e se possibile) realizzare i propri vasi e per questo ringrazio il Maestro Allegrini che ci aiuta nella nostra crescita teorica, tecnica e sempre il tutto con l’armonia (Concentus) e l’amicizia che io ricerco in tutte le cose.

Perché io so di non sapere (cit.)

Concentus Study Group

Tag:, , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , ,

17758000_10212512834246518_300810007_n.jpg

(Luca Ramacciotti e la Iemoto della Scuola Sogetsu Akane Teshigahara)

Un po’ di mia cronistoria tanto per ripercorrere la mia via dei fiori

Iscrizione Sogetsu: 3019000 (la mia primissima allieva Anne Justo è 3053842 e si è diplomata maestra nel 2015 seguendo i tempi previsti dalla scuola).

Certificato primo livello: 2006

Certificato secondo livello: 2007

Certificato terzo livello: 2008

Certificato quarto livello: 2010 (preso un anno sabbatico e studiato un poco di Ohara, con la Maestra Annamaria Giacomi Ratto Vaquer, per cui pur avendo terminato il quarto livello nel 2009 il certificato è stato chiesto successivamente.  Tra un corso e l’altro devono passare 6 mesi)

Certificato da maestro:  2010

Secondo certificato da maestro (per salire di livello) : 2013

Tutti i certificati mi sono stati riconosciuti da Lina Alicino tranne l’ultimo che è stato da parte di Valeria Raso Matsumoto.

Worhsop con Maestri quali Tetsunori Kawana e Akane Teshigahara oltre a vari insegnanti incontrati durante le mie tournée in giro per il mondo.

2008 – Intervista per la trasmissione Effetto Sabato – Rai 2

2009 – Mostra con Lucio Farinelli (da soli quindi) ad Ariccia

2011 – Dimostrazione pubblica da maestro di ikebana ed esposizione presso il Centro Congressi Principe di Piemonte di Viareggio

Ikebana come display per la collezione di gioielli della linea orientale di Antonella Piacenti a Sandrigo (Vicenza)

Creazione del primo blog di ikebana in Italia

Ikebana Scenografico presso il Gran Teatro Giacomo Puccini a Torre del Lago

Da qui in poi ogni evento è stato realizzato con la collaborazione del maestro Lucio Farinelli

2012 – Mostra dedicata alla memoria della Maestra Maria Grazia Rosi presso il laboratorio di Ceramica Le tre Ghinee.

Mostra Bonsai – Città di Frascati

Intervistato per la trasmissione Buongiorno Cielo – Sky

2013 – Mostra a Lanciano

Due scuole, una via. Presso Doozo. Per la prima volta le scuole Ohara e Sogetsu hanno esposto assieme.

Collaborazione con la rivista Bonsai e Suiseki Magazine ed intervista per la rivista Aroma

Mostra Bonsai – Città di Frascati

Giardini in Fiore a Villa Borbone – Viareggio

Articolo per la rivista Ubi – Bonsai

Botanica – Villa Caruso Bellosguardo a Lastra a Signa

Harborea – Livorno

BoomArt – Torre del Lago

Oriente in festa – Livorno

Intervista per la trasmissione web radio Banzai

Diploma di III livello

2014 – Il Linguaggio Muto della Natura – Orto Botanico Università La Sapienza – Roma

L’ombra e la Quiete – Mostra presso il Gran Teatro Giacomo Puccini a Torre del Lago in occasione dei festeggiamenti dei 110 anni della Madama Butterfly di Giacomo Puccini

Festival dell’Oriente a Roma

Organizzazione del Whorkshop Internazionale con Ilse Beunen e Ben Huybrechts di ikebana e fotografia

Mostra d’Autunno – Club Bonsai Roma

La Dolce Arte del Samurai – mostra e dimostrazione

Sgargiante Sobrio – Istituto Giapponese di Cultura. Ciclo di tre dimostrazioni ed esposizione di ikebana

Natura Svelata – Orto Botanico Università La Sapienza – Roma

Workshop di ceramica presso Pots in Rome con il maestro Sebastiano Allegrini

Arte Giovane – Roma

2015 – Workshop di ceramica presso Pots in Rome con il maestro Sebastiano Allegrini

Mostra d’Autunno – Club Bonsai Roma

Workshop di Ikebana Sogetsu a Milano

2016 – Primo Premio del Concorso Internazionale bandito dalla Sogetsu –草月みんなのいけばな展 Everyone’s Sogetsu Ikebana Exhibition

Ideazione di ikebana ispirati ai profumi d’autore da parte di Luca Ramacciotti per un workshop tenuto da Marika Vecchiattini ed una mostra presso il Flagship store Campomarzio70

Nascita del Concentus Study Group ufficialmente risconosciuto dalla scuola Sogetsu

Workshop di ceramica presso Pots in Rome con il maestro Sebastiano Allegrini

Incontro con il Principe e la Principessa Akishino

Erba e luna – Ideazione di ikebana ispirati ed “uniti” alla moda da parte di Lucio Farinelli per lo stilista Massimo Alba

Pisa in fiore

Esposizione all’Ara Pacis di Roma in occasione dell’inaugurazione della mostra fotografica di Domon Ken

Archivio Centrale dello Stato di Roma – dimostrazione ed esposizione di ikebana

La via dei Fiori – Dimostrazione presso il MAXXI (Museo di arte moderna a Roma) e creazione di un Zenei – Bana da unire alla bellissima scultura/fontana di Francesco Venezia all’interno del museo

Incontro con l’Ikebana Sogetsu presso il centro Aikido Roma

2017 – Luca Ramacciotti “ambasciatore” dell’ikebana Sogetsu in Nicaragua dove per la prima volta questa arte viene illustrata anche con un ikebana, da lui realizzato, da posizionare in scena per la sua regia di Madama Butterfly.

Workshop di ceramica presso Pots in Rome con il maestro Sebastiano Allegrini

In preparazione il Workshop Internazionale con Ilse Beunen ed Anne- Riet Vugts come già annunciato dal Magazine della Sogetsu

13606932_1094736070573339_5031598210836445937_n

E altri eventi sono in preparazione.

Per ora solo fino al 2022…..

E scusatemi questo non è un proclama, ma un curriculum. Invito  altri Maestri italiani della Sogetsu a presentare il loro.

Concentus Study Group

Tag:, , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , ,

_MG_6836a

(Ikebana di Luca Ramacciotti – Vasi ideati da Hiroshi Teshigahara)

Accade che per mesi sogni un ikebana. Attendi l’arrivo della primavera per fare un’esplosione di colori partendo dal dono di Lucio Farinelli portato direttamente dall’Head Quarter Sogetsu quando andò a fare la lezione (Anche Giotto prese lezioni da Cimabue) nella classe avanzata con il maestro Shinobu Okazaki  uno dei grandi esponenti della nostra scuola.

Hai bene in mente le forme, i colori ei  materiali. Poi devi decidere se dare soddisfazione alle allieve che stanno facendo lezione oppure inseguire il tuo sogno. Dato che per me le allieve vengono prima di tutto la risposta è abbastanza semplice. Così ho detto addio al solidago, alle scabiose, ai narcisi (i pochi sopravvissuti ai vari trasporti in realtà han detto addio a me), ai giacinti.

Cosa rimaneva della mia idea iniziale? Solamente i tre contenitori.

Dispiaciuto? In parte perché ieri le mie allieve hanno davvero lavorato bene e con gioia e questo mi ripaga di ogni cosa.

Non dovevo fare ikebana? Sicuramente mi sarei esercitato recuperando il solo materiale a mia disposzione. E come?

Ho la fortuna che per lavoro viaggio abbastanza e se non accade come nell’ultima tournée (I 90 anni della Sogetsu a Managua) dove sono io aparlare e a fare ikebana, quando mi reco in una Nazione contatto il gruppo Sogetsu a me più vicino e prendo lezioni dal loro maestro. Un arricchimento di idee, materiali, suggestioni a cui ben pochi credo abbiano la possibilità di accedere. Se non richiesto non dico mai il  mio livello di diploma perché sono lì come studente di ikebana non come maestro.

Quindi ripensando a tutti questi maestri che mi hanno portato fino a questo punto mi sono messo al lavoro. Ho immaginato di essere ad un workshop dove ti assegnano un contenitore, un tema e dei materiali e così ho iniziato lasciandomi trasportare da ciò che quei due tipi di fiori mi comunicavano.

Un ikebana semplice? Certamente. Nulla di scenografico, di strano o di acchiappalike da chi si aspetta che l’ikebana sia un ramo storto con magari una scopa infilata tra un fiore e l’altro. Però un ikebana mio. Fatto con il mio cuore, i consigli preziosi di tanti maestri, di Lucio Farinelli che da sempre lavora con me, ed ha studiato per 6 anni accanto a me, che mi ha portato questi bellisismi vasi sapendo quanto io ami i colori forti ed anche i fondamentali suggerimenti di amici fotografi.

Con molta umiltà e sincerità dedico loro questo mio piccolo ikebana nato dalla necessità e dall’amore e rispetto verso questa arte.

Concentus Study Group

Tag:, , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , ,

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: