Skip to content

Luca Ramacciotti – Sogetsu Concentus Study Group

www.sogetsu.it

img_9762(Riccardo Tedeschi e Alessandro Brun di Masque Milano, Luca Ramacciotti, Silvia Barucci, Lucio Farinelli, Nicoletta Barbieri, Ilaria Mibelli)

Ieri a Pitti Frangrnze è arrivata una rappresentanza del Concentus Study Group (nella foto iniziale manca Anne Justo anche lei del gruppo) per continuare lo studio dei profumi iniziato con la mostra Essenza, proseguito da me (L’odore è l’intelligenza dei fiori). Questo abbinamento di profumi ed ikebana è interessante e ricco di soddisfazioni sia per coloro che creano i profumi (o li producono) sia per noi che dobbiamo ricreare visivamente un’arte impalpabile e che dona sensazioni diverse da persona a persona.

E la nostra presenza di gruppo era all’insegna del 90esimo anno di vita della nostra scuola andando a sfoggiare le magliette ufficiali.

Dalla scorsa edizione di Fragranze ad oggi (complice Marika Vecchiattini e anche il workshop che tenne a Roma per Ikebana International da me presieduta) il mondo dei profumi inizia ad esserci familiare anche grazie a personaggi splendidi che ci hanno coinvolto trascinandoci nel loro mondo, nelle loro emozioni.

Purtroppo il tempo a disposizione era tiranno (un solo pomeriggio non basta) e abbiamo cercato di seguire il percorso già iniziato, ma anche di scoprire nuove realtà. Il problema è che a volte agli stand si concentrano sui possibili rivenditori e tendeno a trascurare chi è lì per passione o curiosità.

Per fortuna noi abbiamo incontrato e reincontrato personalità stupefacenti che andrò a salutare in rigoroso ordine alfabetico perché son tutte da primo livello.

Antonio Alessandria

_mg_9746

_mg_9753

A Pitti ha presentato il suo nuovo lavoro che si chiama Eperdument che “narra” di un’antica tradizione italiana nei primi decenni del dopoguerra, quando i giovani uomini emigravano in terre straniere alla ricerca di una vita migliore e sposavano giovani donne rimaste in terra natia, attraverso l’intercessione di parenti e genitori, in un matrimonio a distanza che doveva colmare le necessità della materia, quando non del cuore. Questa storia narrata da Antonio mentre si assapora il suo lavoro coinvolge e travolge sulle note delicate di finocchietto selvatico, agrumi e fiori bianchi. Un profumo che sa di promesse, di amore, di languori e di luce.

img_9755(© fotografico di Silvia Barucci)

Meo Fusciuni

_mg_9757

Se uno pensa ad un antico profumiere, nel suo laboratorio tra ampolle, fiori essiccati e spezie ecco che quella figura potrebbe essere Meo Fusciuni che ci ha incantato e trasportato in un altro mondo parlando del suo lavoro e facendoci assaggiare i suoi elisir incantatori. Il percorso di Meo è davvero particolare e i suoi profumi coinvolgono a 360° dal cuore, al cervello ai sensi. Ci ha affascinato e sedotti partendo da Odor 93 e Narcotico per poi fuggire sul Rites de Passage, Notturno e Luce. Sentori di erbe, fiori, legni, ricordi.

img_9758(© fotografico di Silvia Barucci)

Homo Elegansa

img_9760

(Maurizio Piazzi e Francesco Gini – © fotografico di Silvia Barucci)

Due profumi tanto diversi quanto spettacolari e coinvolgenti. Se Quality of Flash è un colpo all’animo, prende, ti travolge e ti lascia sedotto, Tadzio è una corsa lungo una battima d’estate dov l’adolescenza si lega ai primi palpiti del cuore. Come per i precedenti (ed i successivi) sentir parlare da loro di come è nato un profumo, di come lo hanno concepito e realizzato rende il sentore ancora più intimo ed interessante.

Masque Milano

Essendo l’unica foto di gruppo loro li ho scelti per l’apertura del post. Sempre gentilissimi mi hanno portato sulle note dell’iris e dello champagne attraverso l’assaggio de L’Attesa. Un profumo davvero molto particolare e complesso che affascina come tutti quelli da loro prodotti.

Michele Marin

img_9773(Michele Marin – © fotografico di Silvia Barucci)

Michele Marin (creatore dei due profumi di Homo Elegans) ci ha accolto allo stand di Maison Bereto per farci assaporare le sue candele per ambiente. Definirle però “candele per ambienti” è sminuire un lavoro dove dalla confezione al “contenitore” al profumo si svelano dei mondi sensoriali davvero coinvolgenti e particolari. Sentirlo parlare del profumo, della sua idea, di come ha sviluppato il tutto è davvero emozionante ed interessante per la sua competenza.

Oliver & Co.

Oliver Valverde ci ha raccontato le sue due nuove creazioni. Vaniger colpisce per l’accordo dolce di vaniglia che ha subito un “retrogusto” di polvere di zenzero che la rende non stucchevole e seducente ed Ambergreen presenta un’ambra insolita dove il sentore verde porta verso mondi lontani e freschi. Due lavori molto diversi tra di loro di cui avrei imbarazzo nella scelta. E che da ieri continuo ad assaggiare.

Profumi del Forte

_mg_9724

Qui si va nella mia terra, la Versilia e devo dire che questi otto profumi descrivono benissimo l’eleganza di Forte dei Marmi, la spiaggia, l’estate, la vita notturna. Sentori davvero emozionanti per chi, come me, ha vissuto queste stagioni, per chi le rammenta o per chi vorrà venire a scoprirle.

Segnalo anche Richard Lüscher Britos che ci ha portato per mano nel suo mondo di 32°N 08°E.

Questo mio piccolo excurus è limitato sia per la mia piccola esperienza in questo campo sia perché davvero difficile narrare tutte le emozioni provate ieri, le persone incontrate (Isella Marzocchi in primis che avanza un ikebana da me) che mi hanno salutato davvero con calore e gentilezza come Luca Cavaleri.

Emozioni allo stato puro che continueremo a trasformare in ikebana. Ringrazio tutte le persone che ci han dedicato il loro tempo.

_mg_9772

_mg_9777

_mg_9770

Concentus Study Group

Annunci

Tag:, , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , ,

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: