Skip to content

Luca Ramacciotti – Sogetsu Concentus Study Group

www.sogetsu.it

_MG_7619

Kadō (華道, la “strada dei fiori”) era il nome antecedente al termine ikebana con cui si indicava questa arte. Non è solo un cammino di crescita, di studio di un’arte, ma un percorso di gruppo, di unione di interessi al fine di migliorarsi.
Quando per il nostro Study Group proposi al voto dei futuri membri il nome Concentus fu proprio per stilare un “manifesto di intenti”; ovviamente ad un gruppo serve uno che tiri le fila delle situazione, ma ogni membro del nostro S.G. è parte di esso e ad esso può portare informazioni, esperienze ed idee.

Sotto questa premessa è nato il week-end appena passato che ci ha visti ospiti dell’allieva Chiara Giani nella sua casa a Nebbiù. Complice la festa del 2 giugno abbiamo deciso (io e il maestro Lucio Farinelli che coordina con me lo S.G.) , assieme a Patrizia Ferrari, Silvia Barucci, Ilaria Mibelli, di dedicarci all’ikebana e al visitare luoghi molto suggestivi per paesaggio e natura.

Mentre Chiara e Patrizia con Lucio iniziavano il percorso del III livello con Silvia ed Ilaria ci siamo concentrati su un tema della Sogetsu che faceva parte del curriculum di studio quando io ero allievo ovvero: Arrangement using wood, without container. Silvia ed Ilaria hanno ideato due strutture di rami che si sorreggevano intricandosi tra di loro.

_MG_7420

_MG_7534(Ikebana di Silvia Barucci)

Un lavoro interessante che si è svolto dopo una bella passeggiata nel bosco per scegliere quei materiali che meglio si adattassero al nostro scopo.

_MG_7419

_MG_7426(Ikebana di Ilaria Mibelli)

Dato che Silvia Barucci aveva portato della fibra di cocco e dei coloranti…. il passo successivo è stato spontaneo.

_MG_7390

_MG_7389

_MG_7388

_MG_7532

(Ikebana di Silvia Barucci)

_MG_7453

(Ikebana di Ilaria Mibelli)

Ma per ritornare al concetto del nome “Concentus” è stata la volta anche per i maestri di imparare da un’allieva. Silvia, con un passato non sopito da bonsaista, aveva portato del liquido “jin” e ci ha spiegato come i bonsaisti ottengono l’effetto bianco delle parti secche della loro pianta.

556503_10150950262567509_1123001940_n(foto da me scattata durante la XIV Mostra Nazionale Bonsai & Suiseki “Citta di Frascati”)

Perchè interessarsi ad una tecnica bonsaistica? Semplice. Noi utilizziamo materiale secco facilmente deteriorabile mentre questo liquido (sbiancante) ci permetterà di conservare il nostro materiale intaccato da parassiti ed agenti atmosferici… oltre a colorarlo di bianco. Silvia ci ha insegnato i rami migliori da utilizzare e aveva realizzato delle dispense conducendoci per mano nell’apprendere questa importante tecnica per cui le va il nostro totale ringraziamento.

07062016-13415505_1220085694670385_989047125362794410_o

(© fotografico di Chiara Giani)

_MG_7593

IMG_7602(© fotografico di Patrizia Ferrari)

_MG_7595

_MG_7597

_MG_7594

_MG_7596

_MG_7604

IMG_7598a

(© fotografico di Patrizia Ferrari)

IMG_7598

(© fotografico di Patrizia Ferrari)

IMG_7601

(© fotografico di Patrizia Ferrari)

….e il cammino continua….

Concentus Study Group

Annunci

Tag:, , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , ,

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: