Skip to content

Luca Ramacciotti – Sogetsu Concentus Study Group

www.sogetsu.it

Gruppo (3)

… e finalmente giunse (sabato scorso) il giorno dell’inaugurazione dell’esposizione Essenza presso Campomarzio70

Profumi che ispiravano ikebana, ikebana che andavano a collocarsi in una cornice prestigiosa ed elegante, più fattori che dovevano integrarsi creando una perfetta armonia. Due scuole diverse come l’Ohara e la Sogetsu (seppur con punti di contatto) si sono trovate ad esprimere visivamente sentori, suggestioni, emozioni creati da grandi profumieri. Storie raccontate, reinterpretate per una nuova narrazione. Non una mostra di ikebana, ma un vero e proprio percorso olfattivo con un depliant che narrava gli accostamenti tra profumo, autore dell’ikebana e scuola.

Come sempre in questi casi lascio che siano le immagini a parlare al posto mio. Sono felice del riscontro positivo avuto, delle molte persone che sono venute a trovarci all’inaugurazione e nei giorni successivi e quasi mi dispiace che questa esposizione sia giunta quasi al termine (venerdì prossimo) perché l’emozione è stata molta. Ringrazio tutti i membri di Ikebana International che hanno aprrezzato la ma idea e vi hanno collaborato per realizzarla e a tutto l’incredibile e professionale staff di Campomarzio70. Ringrazio Lorenzo Palombini autore di tutte le foto di questo post e Silvia Barucci per il logo e il settore grafico. E ovviamente un grazie a coloro che con il loro lavoro han permesso che noi aprendo una boccetta di vetro si potesse sognare.

Ikebana_1_3Ikebana di Romilda Iovacchini – GROSSMITH – GOLDEN CHYPRE

Cipro dorata: I componenti di questa essenza ricreano un’atmosfera mediterranea,  pervasa dall’aroma delle spezie che il sole estivo esalta.
Nel  mio paesaggio realistico (Shakei moribana, Shizen-hon-i)  una radice  disegna l’andamento della composizione in cui  i vivaci colori dei gerani si fondono con gli elementi verdi in una sinfonia di vari toni.

Ikebana_4_1

Ikebana di Romilda Iovacchini – ALEXANDRE. J – IRIS VIOLET

La primavera ci avvolge con i suoi profumi, primo fra tutti l’Iris, fiore che, per la linea delle sue foglie che ricorda le spade, in Giappone da tempo è il simbolo della festa dei bambini (Kodomo no hi) che ricorre il giorno 5 del mese di Maggio. Nella composizione Hagumi di primavera con iris (paesaggio tradizionale in cui è tutto codificato, sia il numero che la posizione delle foglie e dei fiori) la morbida linea dei petali degli iris si contrappone alle linee rigide delle foglie.

Ikebana_5

Ikebana e vaso di Luca Ramacciotti – MASQUE – RUSSIAN TEA

Ci tenevo molto ad essere io a realizzare un ikebana per Masque. Leggendo le suggestioni che hanno portato alla creazione di Russian Tea ho immaginato (e realizzato) una tazza da tè da cui sorgono sbuffi di vapore bianco. Da tale ciotola si innalzano rincorrendosi i sentori, i profumi, le suggestioni. Per caratterizzare la nota di lampone del profumo (atipica nel contesto e così suggestiva) ho inserito tra le foglie di strelizia un ginger rosso.

Ikebana_7

Ikebana di Silvana Mattei – vaso di Lucia Ciliento – MONA DI ORIO – ROSE ETOILE D’HOLLANDE

Una creazione che sarà una sinfonia di rosa e di verdi ispirata a un profumo avvolgente così come la rosa rampicante da cui prende il nome. La pesca, altro protagonista , con la sua fragranza tonda, morbida, dolce verrà rievocata in questa piccola ma tenera composizione.

Ikebana_8

Ikebana di Paolo Biagini – ROJA DOVE – FETISH PARFUM POUR HOMME

Un Bunjin ispirato al concetto estetico del SABI, l’idea di una bellezza legata al passare del tempo che è evidenziata dalla patina che esso depone sugli oggetti. Un vaso di bronzo Cinese, forte come il profumo profumo maschile che rappresenta e dei legni sofferti, forgiati dalle avversità atmosferiche ad elementi morbidi che addolciscono l’insieme, sono i protagonisti di questa composizione.

Ikebana_9_3

Ikebana di Luca Ramacciotti – Vaso di Sebastiano Allegrini – XERJOFF CASAMORATI – LA TOSCA

Appena ho assaggiato questo profumo sono stato travolto da sentori immensi, morbidi, seducenti, che strizzano l’occhio all’uomo attraverso una femminilità carnale, ma elegante. Se Flroia Tosca avesse indossato un profumo sarebbe stato davvero questo. Da lì l’idea di creare qualcosa di “morbido, voluttuoso”. Siccome Tosca è Roma e Roma è Tosca, ho chiesto al maestro ceramista Sebastiano Allegrini di realizzare un vaso sospeso nel tempo, come un detrito archeologico e in esso vi ho sprofondato tulipani e peonie cercando di rendere l’eleganza e la sontuosità che il profumo aveva evocato in me.

Ikebana_10

Ikebana di Silvana Mattei – vasi di Carla Taticchi – KILIAN – BAMBOO HARMONY

Quante immagini evoca questo profumo… Il suo nome rimanda a un concetto molto importante nelle arti giapponesi: il WA- l’armonia. L’armonia tra tutte le cose, così importante da essere addirittura citata in un articolo della prima costituzione giapponese ( 604 d.c.). La mia composizione si ispirerà a questo: all’armonia che deve essere presente tra i vari elementi di una composizione, tra il suo contenuto e il suo contenitore ma soprattutto l’armonia con la stagione corrente. I suoi materiali evocheranno la fine dell’inverno e l’annuncio di nuove fioriture e il verde, richiamato dalle note del thè, del muschio e degli agrumi, comparirà in diverse sfumature.

 

Ikebana_11

Ikebana di Lucio Farinelli – vaso di Luca Ramacciotti – FUEGUIA1833 – LAGO DEL DESIERTO

Appena ho odorato questo profumo ho visualizzato subito dei colori giallo e azzurro, colori che quindi ho deciso di usare per la mia composizione, colori che rappresentano effettivamente un lago in un deserto, il vaso che ricorderà un ghiacciaio si unirà in simbiosi con l’elemento principale che sarà un ramo secco il cui legno darà carattere all’ikebana, il tutto sarà ingentilito da linee curve di colore azzurro e giallo ed eleganti fiori di colore giallo, l’ikebana infine cercherà di integrare in se stesso anche il mobile sul quale sarà appoggiato.

Ikebana_12_1

Ikebana e vaso di Lucio Farinelli – VERO.PROFUMO – MITO VOILE D’EXTRAIT

Un profumo ricco, elegante, forte, fiorito, mi ha ispirato una composizione di solo fiori e cercando come sempre di non essere didascalico ho pensato ad un netto contrasto di colori giallo e viola, a fiori che si incontreranno alternandosi con i loro colori in un fitto intreccio in un vaso viola creato da me.

Ikebana_13

Ikebana di Giulia Fregoli – Tsubo di Sebastiano Allegrini. – MAISON FRANCIS KURKDJIAN – A LA ROSE

Il profumo mi ha travolto e avvolto per l’intensità della profumazione, era come trovarsi immersi in un roseto in maggio. Era come essere avvolti da un’onda di profumo. L’ikebana è perciò composto da rose e la struttura metallica che ne costituisce parte integrante rende molto bene la sensazione che ne ho ricevuto.

Ikebana_14

Ikebana di Lucia Coppola – PERRIS MONTECARLO- YLAN YLANG NOSY BE

Questo profumo, intenso ed esotico, rende omaggio all’isola Nosy Be, al largo del Madagascar, detta Isola Profumata (Nosy Manitra), per via delle numerose piante e spezie che la abitano. Così, questa composizione rende omaggio alla natura lussureggiante e selvaggia dell’isola, unendo i coralli rossi del mare, all’orchidea rigogliosa e solare, abbracciati da un ramo di palma caduto sulla spiaggia.

Ikebana_15

Ikebana di Silvia Barucci – VON EUSERSDORFF – CLASSIC MIMOSA

La prima volta che ho sentito il profumo mi ha fatto pensare ad un odore dolce e penetrante, l’ho associato a colori pastello e materiali vaporosi ed eleganti, quasi “nobili”. Dopo un po’che si è liberato nell’aria, si percepisce l’odore di muschio e accordo marino (nel senso di odori più legati alla terra che non ai fiori). L’ikebana sarà un mix di ciò che suggerisce il primo incontro e quello che si percepisce del cuore e dalle note di fondo.

Ikebana_16

Ikebana e vaso di Ilaria Mibelli – BRECOURT – OSMANTHUS GUILIN

Senti odore di un forno e pensi al pane o di carta e pensi ad un libro, perciò per non essere in qualche maniera influenzata, non ho fatto ricerche sulla composizione chimica, l’ho annusato e basta. La prima volta è stato un flash di un immagine di un paesaggio reale che è nella mia memoria, ho incominciato a pensare alla realizzazione al materiale ecc. Passate due/tre settimane ho annusato nuovamente per dare maggiore concretezza al progetto. Un’altra immagine è apparsa! Sono andata in confusione! Un odore più di ogni altro pungeva il naso, un misto di gelsomino, ma con una nota più aspra. Estate, caldo, primo pomeriggio, campagna, giardino, ombra, sole che filtra tra le foglie di un fico, siepe di gelsomino, odore di terra umida. Questo sarà la mia composizione.

Annunci

Tag:, , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , ,

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: