Skip to content

Luca Ramacciotti – Sogetsu Concentus Study Group

www.sogetsu.it

Solitamente in ikebana l’ideazione parte scegliendo il materiale vegetale, studiandolo attentamente per capire come utilizzarlo e quale forma dargli. Una lezione della Sogetsu del III curriculum invece pone l’accento prima sul contenitore. Questo per focalizzare quanto questo (seppur di solito scelto in conseguenza al materiale e allo sviluppo che vogliamo dare al nostro lavoro) sia parte integrante ed importante dell’ikebana. Dobbiamo cercare di capire come quella tipologia di vaso scelta possa essere sfruttata al meglio e come la sua forma, il suo colore possa cambiare notevolmente in base al materiale che noi andiamo a scegliere. Possiamo usare colori che si abbinino a quelli del vaso oppure in contrasto, l’importante è come sempre che il nostro ikebana sia armonico, equilibrato e che tutto il materiale sembri scaturire da un unico punto assieme e non dei materiali sparsi nel vaso.

Come esempio ho scelto un vaso che mi sono fatto realizzare dal ceramista di Roma Sebastiano Allegrini. Sebastiano ha realizzato il vaso come lo avevo richiesto ed ha cercato di ottenre il colore più vicino a quello che volevo io (non è facile accontantare uno cresciuto con i colori della Giotto che avevano nomi come Blu di Prussia, Terra bruciata, Pervinca etc). Questo contenitore è stato poi usato da me, dal maestro Lucio Farinelli e da tre nostre allieve. Lascio voi giudicare come lo stesso vaso di volta in volta cambi “faccia” e come pur utilizzando quasi lo stesso materiale (sia io sia una mia allieva abbiamo ideato l’ikebana con mimosa e nocciolo contorto, più io vi ho aggiunto i giacinti) si creino forme differenti.

(Ikebana di Lucio Farinelli – Simplified Arrangement)

 

(Ikebana di Rita Civitarese – With Leaves Only)

Rita Civitarese

(Ikebana di Luca Ramacciotti – Setsubun)

Luca Ramacciotti

Annunci

Tag:, , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , ,

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: