Skip to content

Luca Ramacciotti – Sogetsu Concentus Study Group

www.sogetsu.it

B&SMEsiste un bellissimo magazine italiano (qui è riprodotta la seconda di copertina dell’ultimo numero uscito) che si occupa di divulgazione delle arti, della cultura del mondo orientale: Bonsai & Suiseki Magazine. Ha una sua personale pagina su Facebook Bonsai & Suiseki Magazine (Facebook) dove oltre ai numeri della rivista è possibile avre informazioni sulle attività culturali (a tema) di tutta Italia e immagini bellissime (o video) del mondo giapponese.

Una simile realtà alla portata di tutti è testimonianza della passione, cultura e professionalità delle persone che non solo l’hanno ideata, ma che ne seguono passo passo l’evoluzione. Articoli estremamente interessanti corredati da stupende foto (una mia predilezione vanno ai capolavori di Fabio Canneta) che fanno penetrare neofiti ed appassionati in un mondo di suggestioni ed incanto.

La bellezza di questo progetto (oltre alla sua specifica fruibilità) è che i temi trattati interessano a 360°. Non c’è cesura tra bonsai, suiseki, articoli sulle tradizioni o i miei recenti apporti sull’ikebana. Ogni numero è un percorso, tappe che si intersecano con rapporti di parentela (vicina o lontana) tra questi mondi la cui radice è la medesima.

Poter scrivere di ikebana (con la piccola esperienza che ho rispetto ad altri illustri maestri) mi fornisce l’occasione per far comprendere come questa arte sia lontana dal concetto di centrotavola o di hobby per signore dell’Alta Società che non sanno come impiegare il tempo. Ci sono corsi, studi del materiale ed ella relativa lavorazione. Ad una recente conferenza dell’Ohara quell’illustre personaggio di Jenny Banti Pereira mi raccontava dei procedimenti da lei studiati per sbiancare il materiale, di quando estirpava le radici degli ulivi abbattuti per usarle e credo da sola questa immagine faccia comprendere che l’ikebana (vero) sia molto lontana dall’immagine del té delle cinque…. o almeno lo sarebbe.

B&SM

B&SM

Quello che differenzia maggiormente il mondo dell’ikebana da quello del bonsai o del suiseki è il tema dell’impermanenza. Se i bonsai durano (con le opportune cure e a volte una dose di fortuna) una vita e i suiseki sono cristallizzati nel tempo, l’ikebana no anche se è possibile riutilizzare alcuni materiali (seccando le foglie o fiori quali gli anthurium oppure i rami senza foglie etc). L’ikebana vive il momento in cui viene realizzato. Passato, presente e futuro si intersecano in quel momento ricordandoci la stagione che viviamo, o quella appena passata. C’è la possibilità di lavorare il materiale (come le foglie) e di modellarlo (i rami), ma il nostro lavoro avrà una durata stabilita sia dalla stagione sia dal tipo di materiale usato.

B&SM

Tutto questo vorrei comunicarlo e pubblicazioni come questa me ne danno l’opportunità per cui ringrazierò sempre la Redazione che permettono ad uno “piccolino” come me di poter affiancare i grandi artisti e persone di cultura che scrivono gli altri articoli. Spesso su queste arti c’è un poco di confusione generata anche dagli stessi operatori per cui riviste come questa possono essere un ottimo vademecum per chi decide di esplorare questo affascinante mondo.

B&SM

 

Annunci

Tag:, , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , ,

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: