Skip to content

Luca Ramacciotti – Sogetsu Concentus Study Group

www.sogetsu.it

logo

Gli ikebana Sogetsu non sono degli stili fissi, permettono di esprimersi liberamente tanto che il loro ambito non è solo la casa, ma le vetrine, i palcoscenici, e vari altre possibilità in cui poter mostrare la bellezza e il potere delle piante.

Come arrivare a fare ciò? Il percorso lo scegliamo noi in base alle nostre esigenze, se desideriamo solo avvicinarci al mondo dell’ikebana, se desideriamo compiere tutto il cammino, se divenire maestri…. Spesso abbiamo dell’ikebana un’idea preconcetta per cui a chi mi chiede di fare il corso propongo sempre tre lezioni. Una introduttiva di storia e cultura dell’ikebana e le prime due lezioni previste dal corso. Non esistono “corsi introduttivi” all’ikebana. O si fa il corso o non lo si fa, ma lezioni singole sì affinchè uno possa capire se è il tipo di ikebana che sta cercando. Perché spesso chi viene a lezione nemmeno sa che ci sono diverse scuole. Anche se in Italia le principali presenti sono Ohara e appunto Sogetsu (c’è anche un piccolo gruppo dell’Ikenobo). Se poi l’allievo deciderà di proseguire le lezioni effettuate ovviamente faranno parte del corso non andranno perse.

Il corso della Sogetsu si sviluppa in 4 Livelli o curriculum:

Curriculum 1: Kakei 20 lezioni

Le basi dell’ikebana  si studiano attraverso il metodo ideato dalla Sogetsu denominato Kakei-ho. Al termine di esse si può richiedere il primo certificato (Yonkyu)

Curriculum 2: Kakei 20 lezioni

E’ un estensione, un completamento, del Kakei, Vengono studiate le variazioni degli stile base.  Al termine di esso si può richiedere il secondo  certificato (Sankyu).

Questi due primi anni sono fondamentali per imparare le tecniche, i concetti e per capire come miuoversi nello “spazio”.

Curriculum 3: Composizione di linea, colore e massa 20 lezioni

Un livello dove si vanno ad appllicare liberamente le nozioni imparate con il Kakei-ho di base. Fare stile libero non vuol dire infatti dimenticarsi di ciò che abbiamo imparato nei due livelli precedenti, ma sfruttare la nostra conoscenza per sviluppare i  temi proposti. Se non avremo ben assimilato il corso base avremo grosse difficoltà nello svolgere questo terzo e soprattutto qui entra in ballo, ancor più che nei precedenti due dove seguivamo degli schemi, la nostra creatività. L’ikebana diviene scultura a 360°. Al termine di esso si può richiedere il terzo certificato (Nikyu).

Curriculum 4: Materiali e spazio  20 lezioni
Si apprende un livello più alto di espressione approfondendo la comprensione del materiale (secco, non convenzionale etc) e dello spazio. Al termine di esso si può richiedere il quarto certificato (Ikkyu).

Le venti lezioni si svolgeranno nell’arco di sei mesi (tre al mese). All’interno del libro vi è una cedolina con 20 caselle dove il maestro apporrà il proprio timbro o la propria firma. Questa scheda ha anche quattro caselle riservate a lezioni che deciderà il maestro se sono o meno necessarie all’allievo nel caso qualche tema non sia stato ben compreso. Quindi ogni anno consta di 20 lezioni più eventualmente quattro, ma SOLO se l’allievo ne avrà davvero necessità.

Il maestro poi invierà al Sogetsu Headquarters questa scheda debitamente compilata per la richiesta del certificato.

I libri di testo sono raggruppati per biennio dato che primo e secondo danno le basi e terzo e quarto fanno sì che si aprano innanzi a noi le molteplici possibilità che l’ikebana Sogetsu ci offre. Tenete sempre a mente questo promemoria quando richiederete informazione sullo svolgimento dei corsi di ikebana Sogetsu.

Textbook

(notizie riprese dal sito Sogetsu)

Annunci

Tag:, , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , ,

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: