Skip to content

Luca Ramacciotti – Sogetsu Concentus Study Group

www.sogetsu.it

(Composizione realizzata nel 2007)

Oggi è l’equinozio di autunno, la temperatura è scesa e spira il vento di settembre. Piano piano la natura si ammanterà di rossi brillanti e cupi, gialli, marroni.

Stamani, riguardando tutti i lavori da me svolti, ho ritrovato questa vecchia foto. Era la prima (e si vede) volta che lavoravo con materiale secco e colorato. Mi è sempre piaciuto (fin dall’inizio dei miei studi in questo campo) sperimentare forme, colori, contenitori. Credo sia importantissimo per uno studente di ikebana, soprattutto se Sogetsu.

Se un percorso c’è, guardando indietro vedremo sicuramente errori fatti in vecchie composizioni, noteremo che il nostro occhio, il nostro stile è mutato anche se la nostra impronta digitale, secondo me, rimane come traccia sottile che fa sì che un ikebana si capisca subito a quale persona appartiene. L’importante è sempre lavorare, studiare con onestà e passione.

Dice Paulo Coelho nel suo ultimo libro (Il manoscritto ritrovato ad Accra):  Due persone possono cucinare il medesimo cibo e usare gli stessi ingredienti, eppure una di esse ha intriso d’Amore ogni suo gesto, mentre l’altra si è preoccupata soltanto di preparare una pietanza. Alla fine, il risultato sarà completamente diverso, anche se è impossibile vedere o pesare il magico ingrediente del sentimento più nobile ed alto.

Lo stesso, come per tutte le arti o lavori, vale per l’ikebana. Chi lo fa per passione, magari andrà spesso a rimetterci di tasca propria (allestire le mostre è sempre molto dispendioso e certamente non può ricadere, tale impegno economico, sugli studenti), ma quanta soddisfazione rispetto a chi lo fa solo per mero lucro!

Quindi resto sempre basito quando sento affermare che se uno fa ikebana poi fa il vetrinista o vedo ikebana, che non sono ikebana in realtà, spacciati per ogni evento che va dalla perdita del primo dente del figlio alla cena a casa di amici. Intendiamoci gli ikebana possono essere fatti anche, come installazione, per grandi spazi come ad esempio le hall dei centri commerciali, possono aiutarti davvero ad allestire le vetrine in maniera particolare, ma c’è una bella differenza tra impiegare il proprio sapere e spacciare come finalità di studio dell’ikebana l’allestimento di vetrine o la possibilità di unire fiori e fedi per un matrimonio.

Anche in Giappone ci sono determinati ikebana che si fanno per la feste quali ad esempio dei bambini (5 maggio) e delle bambine (3 marzo), ma sono vere e proprie opere di poesia, non vengono di certo mortificati attaccandoci palloncini come ad una mongolfiera!

Quindi impariamo ad osservare oltre la superficie ciò che abbiamo davanti ai nostri occhi, pensiamo a come il materiale usato nella composizione si trova in natura, sentiamo se il nostro animo palpita con la composizione fatta o che stiamo osservando. Non limitiamoci ad una superficiale occhiata. L’ikebana non deve essere qualcosa di strano che colpisce, ma armonia, suggestione, pace dei sensi.

Quando io termino le lezioni con la mia insegnante sono stremato (e lei più di me), ma che emozione nel guardare (e fotografare) il lavoro che mi ha fatto svolgere. E questo ripaga di tanti sforzi, di arrabbiature (quando l’ikebana non viene come vorresti), di sfide di tecnica, di spese effettuate.

Perché l’ikebana è condivisione a 360°. Nei prossimi giorni incontrerò un maestro di ikebana (Hitoshi Inoue) che venendo in Italia per lavoro vuol conoscere me e l’altro maestro con cui lavoro (Lucio Farinelli), un studentessa Sogetsu che dal Giappone si trasferisce per studiare l’italiano ci ha chiesto di incontrarci e fare ikebana assieme, ad ottobre ad Hong Kong avrò la fortuna di ricevere una lezione dalla direttrice del locale Branch ed assistere alla mostra che allestiranno.

Questo per me è ikebana, un continuo fluire di passione, energia che da una persona passa ad un’altra toccando tutti gli angoli del mondo.

E buon equinozio a tutti.

Annunci

Tag:, , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , ,

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: