Skip to content

Luca Ramacciotti – Sogetsu Concentus Study Group

www.sogetsu.it

(Lorenzo Palombini al lavoro)

In altri post (L’importanza di una foto, Trucchi fotografici, Ikebana e Multimedialità) ho parlato di quanto sia importante saper fotografare un ikebana e di come Robert Mapplethorpe sia stato uno dei pochi a saper esaltare questa arte attraverso il suo obiettivo che passava dalle geometrie dei corpi umani a quelle dei fiori cogliendone la particolarità, le suggestioni con un’impronta personale ben specifica.

Ho sempre fatto tesoro dei consigli fotografici di amici fotografi quando faccio la fotografia ad un mio ikebana, ma ovviamente quando scende in campo un professionista è tutt’altro risultato.

Mia aveva contattato Lorenzo Palombini (www.lorenzopalombini.com) perché interessato allo studio dello still life e quindi degli ikebana. Vedendo il suo portfolio appare immediatamente evidente come il suo occhio sappia scavare oltre alla realtà del quotidiano mettendo spesso in risalto i disagi che le persone possono vivere sotto un’apparente tranquillità, ma anche le geometrie del mondo costruito dalla mano dell’uomo, i paesaggi, i colori che balzano fuori dalle sue foto per avvolgerci e frastornarci.

Ci siamo quindi incontrati per un primo approccio. Lo still life è un tema molto impegnativo (si deve stare attenti alla tipologia delle ombre, a non rendere il tutto piatto, a dare un senso a ciò che si propone attraverso il nostro occhio) e in particolare lo è se il soggetto è l’ikebana che va vista nella sua totalità d’insieme, dove ogni linea, movimento ha un suo preciso posto.

Lorenzo ha disposto tutta la sua attrezzatura ed è iniziata la sessione fotografica durata ben 3 ore per un solo ikebana.

E’ stato molto interessante vedere come studiava i riflessi, le ombre, i colori, come rendere tridimensionale un ikebana che per come lo avevo strutturato di certo non facilitava il suo lavoro.

Mi ha ricordato più volte che quello non era un lavoro definitivo, ma un primo approccio. Mi ha consentito comunque di poter pubblicare il risultato della mattinata di lavoro.

(Anthurium, Cyperus © fotografico Lorenzo Palombini)

Come si vede dalla foto le linee erano piuttosto essenziali e “dure” salvo per il ciuffetto di Cyperus che per la sua conformazione poteva semmai presentare problemi sulla messa a fuoco. Lorenzo però ha saputo “ammorbidire” il contenitore piramidale (tipico della scuola Sogetsu) e far sì che l’ombra dell’anthurium fosse ben definita, interessante, quasi un altro elemento dell’ikebana, non una cosa in più.

Della stessa composizione ha realizzato anche una versione più artistica, da un punto di vista fotografico, molto interessante e dove ancora di più forse si vede la sua bravura, non solo fotograficamente parlando,  nell’aver compreso lo spirito dell’ikebana. E spero che ci siano presto altre sue sessioni fotogrfichee.

(© fotografico Lorenzo Palombini)

Annunci

Tag:, , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , ,

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: