Skip to content

Luca Ramacciotti – Sogetsu Concentus Study Group

www.sogetsu.it

La Scuola Sogetsu prevede in ikebana l’utilizzo di tre rami principali:  Shin (Cielo), Soe (Uomo) e Hikae (Terra). L’uomo ha la posizione mediana tra questi due mondi che a lui si riferiscono e con i quali lui è in totale simbiosi. Ideando questa mostra ci siamo riferiti a questo argomento dato che era dedicata alla nostra carissima amica Maria Grazia Rosi. Non una mostra in memoria, sarebbe stato chiudere un portone, ma in onore perchè era per celebrarla e per l’onore che lei ci ha fatto nel seguire il cammino dei fiori con noi. Lei era un tramite tra Cielo e Terra non solo in riferimento a quanto detto in precedenza in merito ai tre rami principali, ma perché pur vivendo tra di noi il suo animo era elevato al cielo. Aveva una gioia nel vivere la quotidianità sulla terra ed un entusiasmo nel fare ikebana incredibile. Lei non stava creando composizioni, lei aveva ben compreso e realizzato il cammino dei fiori. Se io e Lucio Farinelli, altro Maestro della scuola Sogetsu, siamo a questo punto del nostro cammino lo dobbiamo solo a Maria Grazia, al suo entusiasmo, al suo incoraggiamento, al suo lottare perché noi si divenisse maestri a dispetto delle contingenza della vita.

Per celebrare un’amicizia quale miglior simposio d farlo con un’altra amica? Susy Pugliese bravissima ceramista crea mondi dalle forme e dai colori strabilianti, paesaggi, fiumi, laghi e vallate che ben si prestano ad unirsi ai fiori e ricordano spesso i vivaci colori che Maria Grazia tanto adorava. Ci siamo divertiti assieme a scegliere i suoi lavori ed abbinarli ai nostri ikebana per creare un unica cosa e che ricordasse anche lo stile che aveva Maria Grazia quando realizzava ikebana. E l’entusiasmo è stato ripagato da amici, colleghi di lavoro e visitatori vari che hanno affolato lo spazio de Le tre ghinee in questi due giorni.

E Maria Grazia è stata tra di noi. Lo ha fatto in forma della sua famiglia che è venuta a vedere questo piccolo nostro omaggio e ci ha donato i vasi e i kenzan utilizzzati da Maria Grazia.  La commozione è stata indescrivibile e se abbiamo trattenuto le lacrime è stato solo perchè Maria Grazia era sempre sorridente, felice anche nei momenti più bui. Inutile dire i ricordi e gli aneddoti che da parte nostra e della famiglia son venuti fuori riportando tra di noi un’instancabile viaggiatrice, un’appassionata dell’India, della meditazione, della serenità, dei fiori, dell’essenzialità della natura, della ricerca del materiale più singolare, del ramo che si piegava, del fiore che presentava una particolarità. Grazie all’accoglienza della famiglia Rosi, e al loro prezioso dono,  noi resteremo sempre con loro e con Maria Grazia che continuerà  a percorrere il cammino dei fiori con noi.

Annunci

Tag:, , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , ,

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: