Skip to content

Luca Ramacciotti – Sogetsu Concentus Study Group

www.sogetsu.it

(Paola Saluzzi © Cielo Facebook)

Quando ricevo una chiamata da un’emittente televisiva e mi chiedono di fare un ikebana ho sempre delle incertezze sull’accettare o meno l’invito. La nostra televisione è oramai divenuta una scatola dove fa più spettacolo la volgarità che l’informazione. E la superficialità è di casa (purtroppo l’esperienza docet).

Parlando con Flaminia Insalaco della redazione di Buongiorno Cielo ho capito che per una volta avevo trovato il giusto interlocutore. Fare ikebana non è tetris e nemmeno le ricette di cucina dove mostri gli ingredienti, il piatto a metà cottura e poi finito.

Possiamo certo prima preparare del materiale, pensare alla composizione, ma quando andiamo a farla in studio cambierà sempre qualcosa e, ripeto, non siamo a fare il gioco degli incastri. Mi è stato chiesto se prima del mio intervento potevo mostrare un ikebana già finito e poi in studio far vedere come posizionare il materiale sul kenzan e l’occorrente per un ikebana base. Ho spiegato che in dieci minuti non potevo creare un ikebana e loro mi han detto che sarei rimasto per tutta la durata della trasmissione e al termine avrei mostrato l’ikebana finito.

E così è andata.

Ieri mattina al Mercato dei fiori ho comperato peonie, foglie di aspidistria, calle e  rami di platano e stamani all’alba mi sono recato agli studi di Sky con Lucio Farinelli, il maestro Sogetsu che collabora con me. Abituato per lavoro a stare dietro le quinte gli affacci davanti alle telecamere mi mettono sempre un poco di ansia e soprattutto non ero lì a rappresentare Luca Ramacciotti, ma la scuola Sogetsu e non volevo far fare loro brutta figura.

Uno degli autori del programma ha di nuovo ripassato con me l’argomento per essere sicuro che tutte le informazioni fossero giuste ed ho poi posizionato il mio primo ikebana (platano e peonie).

Paola Saluzzi è una bravissima giornalista (e son sincero una donna bellissima), ma soprattutto è di una cortesia incredibile. Mi son sentito subito rilassato, tranquillo. Mi ha posto domande pertinenti, in grafica scorrevano alcune foto dei miei ikebana e mi ha chiesto i nomi degli oggetti che avevo disposto sul tavolo. Poi ho mostrato come si posizionano foglie e fiori (in questo caso) sul kenzan. E l’intervento principale è finito. Dopo sono stato interpellato a proposito di teatro durante l’intervento di altri ospiti e alla fine della trasmissione per vedere l’ikebana che avevo creato. Dal mio intervento era passata mezz’ora e l’ikebana era pronto.

Credo che a Cielo tornerò sempre molto volentieri.

Annunci

Tag:, , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , ,

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: