Skip to content

Luca Ramacciotti – Sogetsu Concentus Study Group

www.sogetsu.it

(Magnolia, Lilyum)

Il Maestro è una figura fondamentale durante il cammino dei fiori perché ti saprà indirizzare lungo il sentiero senza farti sbagliare strada.

Per tale motivo non solo è fondamentale chiedere delle garanzie quando si inizia (purtroppo anche in questo campo c’è gente che se ne approfitta e alle volte tengono corsi persone che nemmeno son diplomate), ma anche capire se il Maestro stesso sta percorrendo il cammino dei fiori o si è fermato lungo il tragitto.

Non è un cammino facile, non esistono scorciatoie. Ci vuole pazienza e compiere un passo alla volta. Non ci si può basare solo sui libri o quel che si legge su internet o sulle riviste. Si ha bisogno di una guida fisica, non stiamo facendo tetris, ma imparando un’arte, una filosofia di vita.

Il nostro Maestro ci farà piano piano scoprire le meraviglie della natura, il nostro io segreto che con essa entra in risonanza, ci metterà a disposizione l’infinita tavolozza di forme e colori che la natura ci porge.

Non farà pesare il suo sapere, non approfitterà della nostra ignoranza della materia per i suoi scopi, non ci ingannerà.

Ci prenderà per mano e noi fiduciosi impareremo camminando con esso. Non dobbiamo vergognarci di porgere domande, o di sbagliare. Il Maestro è lì per portarci avanti non per dare lustro di sé stesso.

Quando il Maestro è soddisfatto del lavoro effettuato non c’è gioia più grande per l’allievo, non sente più la fatica e la concentrazione che l’han portato fino a quel punto.

Percepisce gioia e contempla soddisfatto il suo lavoro.

Se dovete iniziare un corso di ikebana osservate bene i lavori del maestro per capire cosa e se vi trasmettono: emozioni, gioia, stupore. Qualora questo non accadesse quel maestro non va bene, si è fermato lungo il cammino o ha smarrito il giusto sentiero.

La mia Insegnante quando si fa lezione (non si deve mai smettere di prendere lezioni se ci si trova bene con un Maestro poiché ha sempre più esperienza di noi, dobbiamo continuamente aggiornarci e studiare come in tutte le arti) parte da un tema, da uno stile, per arrivarne ad un altro, si lavoro sodo, ma che soddisfazione alla fine quando usa un modo di dire giapponese che significa che ci si può riposare, che non si può fare nulla di più: otsukaresama deshita.

Se lei è soddisfatta lo sono anche io. Si accorge sempre di ciò che io ho bisogno, percepisce le mie perplessità e le fa sue fino a scioglierle, ad allontanarle tracciando un altro tratto del mio cammino. Questo è il giusto Maestro.

Annunci

Tag:, , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , ,

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: